Le materie prime

Sarebbe troppo semplice scrivere di usare materie prime di qualità. Ovvio. Ma statisticamente ogni laboratorio che si rispetti, ha le sue pecche e i suoi piccoli segreti di lavorazione. Non è certamente alla portata di tutti, ma cambiare materie prime verso la qualità non significa solo spendere di più, bensì investire sulla fidelizzazione del cliente, che sarà certo di trovare un ottimo prodotto nel vostro locale. Ogni giorno mi faccio e faccio ai miei collaboratori una domanda molto semplice quando prepariamo qualcosa in laboratorio: "Questo dolce, o questo prodotto, lo mangeresti?" Se la risposta è no, allora non importa chiedersi perché un altro locale lavora più del tuo.

Usare materie prime di qualità non è sinonimo di spesa maggiore e quindi meno guadagno. Provate a fare un calcolo mirato sui vostri prodotti e sulla vendita tra un prodotto di qualità e un altro con materie prime di scarsa qualità, e vedrete che c'è una bella differenza. Tra burro e margarina, tra bacca di vaniglia e vanillina, tra aromi naturali e artificiali.. Oggi il cliente è molto più informato, molto più attendo e se deve spendere dei soldi.. li spende come vorresti tu che stai leggendo queste righe: quindi, nel modo migliore!

I commenti sono chiusi

Facebook

Foto – Mario Ragona

    Foto Flickr Mario Ragona
     
    Logo 5
    FRIULINOX
    TECNOLIBRI
    CHS GROUP
    LAINOX
    Logo 7
    Casa Tessieri
    VIRA PASTRY & C.
    FORMECH
    PAPERLINE PAL CAPS
    Silikomart
    BIBLIOTHECA CULINARIA
    Logo 11
    NOALYA
    FOOD MICRO TEAM
    Scuola Tessieri